Dialogo con me stessa (Mucho Hablas)

Bene, mi sono ripresa.

Da cosa?

Dalla vecchiezza che avanza.

In che senso?

Nel senso che non riesco neanche a reggere un fine settimana fuori con le amiche che devo recuperare ogni singola ora di sonno pena tachicardia e mal di testa.

Ah sì?

Sì.

Ti sta bene, non si parte così e si va a Barcellona con le amiche impunemente. Per fare cosa poi? Andare a cena nel ristorante di un amico e chiacchierare fino a notte fonda… potevate farlo qui a Milano no?

Ma pensa un po’ te, e chi te l’ha detto? Barcellona è Barcellona e le chiacchiere che per una volta sono sotto la Sagrada Familia e non nel solito pub in Barona fanno bene al cuore!

Me lo dice la media delle donne di quasi 40 anni che hanno due o più figli: tu e le tue amiche siete fuori target, questo è. E per fare le originali, qualcosa bisogna pur pagare. E tu paghi con la tachicardia da mancanza di sonno e stanchezza.

Guarda che secondo me abbiamo già pagato abbastanza. Io, per esempio, sono diventata molto permalosa. Mi danno fastidio gli sguardi di  tristezza delle altre femmine con figli che con una punta d’orgoglio ammettono: “Io non potrei mai…” (messaggio subliminale: “Non potrei mai lasciare morire i miei figli in un lago di sangue dove, dopo averli lasciati senza cibo e acqua, loro padre li lascerebbe agonizzare qualora si ferissero mentre io mi sto divertendo due giorni all’estero con le amiche”). Mi danno fastidio anche gli sguardi di ammirazione sempre delle altre femmine con figli: “Ma davvero parti e vai a Barcellona? Ma che braaaaaavaaaaa così bisogna fareeee, bisogna prendersi un po’ di tempo per sè” (Messaggio subliminale: “Brava stronza, sei una strafottente e solo le strafottenti come te vanno avanti”) Sono paranoica?

Chi?

Io

Beh…

Sai cos’è? E’ che alla partenza, almeno per quel che mi riguarda, il senso di colpa sta a mille. Il tutto in genere peggiorato dalla figlia femmina che essendo ancora con il cordone (ovale e morbido) attaccato, si fa venire la febbre dall’ansia. Febbre che le passa non appena io sparisco da dietro la porta…

Ah sì?

Esatto E questo senso di colpa, oltre a farmi percepire le altre femmine come ostili (quelle che restano a Milano, s’intende, non Le Gine™ che partono con me), attira su Le Gine™, i peggio maltrattamenti da parte del mondo. Ci maltrattano anche i mendicanti.

No, a questo non ci credo.

Credici. Uno zingaro in metropolitana a Milano pare abbia lanciato anatemi sulle amiche che si apprestavano a prendere il pulman per Malpensa invocando la caduta dell’aereo (non so perché spero che qualche Gina colmi la lacuna nei commenti) e invece a Barcellona ci ha insultato uno che vendeva fazzoletti sulla ferrovia urbana.

E perché?

Perché con le nostre rumorose chiacchiere coprivamo la sua voce mentre spiegava che era una familia povera compra fazoleti. Effettivamente erano tutti in silenzio che lo ascoltavano. Forse in Spagna c’è più rispetto che in Italia per le persone bisognose in metropolitana… fatto sta che il tizio, dopo la tiritera, ci è passato vicino per raggiungere un’altra ala del vagone e a bocca storta e fare seccato, ci ha detto: “Mucho Hablas eh?”

E voi?

E noi ci siamo guardate e ci siamo convinte, tutte e sei, di aver sentito male. Poi però è ripassato e ci ha detto, bofonchiando con disprezzo “Italiana bocca larga…”… e lì abbiamo capito che effettivamente si rivolgeva con gentilezza a noi. Abbiamo ringraziato. In fondo la bocca larga è meglio di quella stretta a culo di gallina, no?

Certo. Ma alla fine il viaggio è stato bello?

E’ stato divertente e fondamentalmente necessario.

Dovute ringrazianze a: Le Gine ™, Il Tuscania (il ristorante di Daniele&company), La Sagrada Familia (sempre bellissima).

E voi? Riuscite a “staccare” ogni tanto? Se non riuscite, vi mostro questa: la luna tra le guglie, dai tavolini fuori del Tuscania . Uno spettacolo eccezionale che dovete correre a vedere a Barcellona! (Daniele, poi ci mettiamo d’accordo per la tariffa pubblicità Web). Aloa!

20130530-133445.jpg

Annunci

4 thoughts on “Dialogo con me stessa (Mucho Hablas)

  1. e ti sei dimenticata la damigiana di limoncino mia cara. E anche qui: non potevate berlo da valerione? no: da valerione solo cuba, fa figo..

  2. Che dire…?
    In quanto parte coinvolta, resto ancora una volta molto divertito dalla sagacia di colei che le carte dicono essere mia moglie

  3. Ecco, io leggo ora. Non sono Gina ma comara e il mio commento e’ …’la prossima volta voglio venire anche ioooooooo! Facciamo comarineweek ad Amsterdam ?’
    Bacio bellaliz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...