Quando la bottega oscura è un comune

Non sono brava a scrivere di politica e pubblica amministrazione ma mi viene da piangere a pensare che in un periodo in cui mancano gli asili nido, spazi per il supporto alle mamme, quando questi sono dei beni già presenti e funzionanti, vengano presi in considerazione per essere alienati al fine di “fare cassa” dal comune stesso.

Ora, parlare di botteghe oscure quando la bottega è un comune intero, è davvero sconfortante.

Mi hanno infatti scritto due (ben due, sono una celebrità ormai!) mamme di Cesano Boscone (il comune dove sono cresciuta e dove per un po’ ho ultimamente ho lavorato allo studio medico del Quartiere Tessera) per raccontarmi che il comune sta facendo proprio questo: un’operazione finanziaria che prevede la vendita ai privati sia dell’area verde di Via Goldoni (a ridosso dei popolosissimi Quartiere Lavagna e Quartiere Giardino) che *squilli di tromba* di quell’area dove attualmente sorge l’asilo nido del centro di Cesano!

Dato che Ettorino (mio padre) che si diletta a scrivere sul giornale locale, vi linko un po’ di materiale dal loro sito:

Qui si parla delle aree pubbliche  in cessione all’edilizia privata (e chi ci rimette sono sempre le mamme e i piccoli)

Qui c’è la risposta del sindaco Vincenzo D’Avanzo (sono o non sono politically correct?)

Dato che il giusto non sta mai da una parte sola, se avete pazienza di leggere (sono solo poche righe) ditemi chi vi sembra più convincente e… raccontatemi delle vostre bottegacce!

Annunci

9 thoughts on “Quando la bottega oscura è un comune

  1. volevo sottolineare inoltre la gravissima situazione nella quale si trovano già oggi tutte le madri lavoratrici di cesano boscone schiacciate dalle liste di attesa interminabili per l’accesso al servizio del nido. L’ipotesi vergognosa di chiuderne addirittura uno degli unici due presenti mi fa pensare alla perdita di lavoro a cascata di tutte queste donne, parte attiva delle famiglie che stanno tanto a cuore al sindaco. Tutte noi abbiamo davanti esempi o siamo esempi viventi di tale situazione. Aggiungo inoltre che tutte le nuove costruzioni di cesano saranno occupate (visti i prezzi) da giovani famiglie uniche aventi diritto alle agevolazioni dell’edilizia convenzionata..tante giovani famiglie che avranno tanti giovani futuri utenti di asili nido..chiusi..
    grazie laiza

  2. Pensa che a Settimo, a fronte di una popolazione molto meno numerosa, ce ne sono 3 statali e 1 privato (ma convenzionato)!
    Mi getta nello sconforto D’Avanzo quando, in risposta sull’intervista che ho linkato, dice che “lui sa quel che fa ed è per portarsi avanti”… forse sì, per portarsi avanti sul diventare Argentina… grazie Saretta della segnalazione!

  3. ad assago i nidi sono 4…e non aggiungo altro commento
    questa mattina mi hanno detto che il consiglio comunale sarà il 27 e il 28
    quando ho informazioni più recise la scrivo

  4. senti questa:
    è stata organizzata una riunione presso l’asilo
    nido coccinella durante la quale sindaco e vicesindaco dovrebbero fornirci
    risposte alle domande relative a struttura, rette, graduatorie, organizzazione
    nido luglio ecc…
    Tutto questo per rabbonirci e non farci andare al consiglio comunale del 27 visto che
    quando chiedevamo informazioni a riguardo negli anni passati non abbiamo mai
    ricevuto risposte chiare
    Si tratta inoltre di un incontro che nessuno di noi potrà boicottare perchè
    organizzato 1 ora prima della festa di fine anno. Festa che in questo modo verrà
    praticamente annullata visto che le educatrici non avranno tempo di preparare i
    bambini per la recita e i tavoli per il rinfresco…
    Ricordo che il consiglio comunale è il 27 luglio alle 21.00 in villa marazzi dove appunto si dovrebbe parlare anche della vendita del nido per farne area edificabile..

  5. comunque il consiglio è finito che dopo 2,30 h di propaganda politica da parte della lista mainardi
    che attaccava la maggioranza dichiarandosi non d’accordo sulla decisione, si
    sono trovati tutti d’accordo: il nido verrà chiuso.
    Pare verrà chiuso all’apertura di uno nuovo ma tale spesa non è contemplata
    nelle previsioni di bilancio dei prossimi due anni
    Stendiamo un velo pietoso
    Le dipendenti comunali impiegate in oltre il nido non sanno ancora che mestiere
    andranno a fare a settembre
    Nella parte del consiglio dedicata al bilancio sono andata via
    Avranno “discusso” sugli aumenti di prezzo della retta ecc ecc ma ero davvero
    incazzata nera e me ne sono andata via
    Spero di darmi una calmata in previsione della riunione di oggi alle 18.30 al nido durante la quale sindaco e vicesindaco dovranno rabbonirci
    mavaffanculo, che gente di merda
    Mainardì ha pure fatto un simpatico siparietto raccontando una finta favola per ridicolizzare la maggioranza e poi li ha appoggiati…che merde che sono…e c’era pure il costruttore calabrese che sta facendo tutti i nuovi complessi vicino alla discarica che ha riso come un coglione per tutta la riunione…sono indignata e incazzata nera

    • Sono proprio curiosa di vedere cosa succede… ma in che senso ha appoggiato? Conta che hanno fatto una propaganda allucinante via mail contro questa decisione!!! Com’è che poi erano d’accordo? (a parte che non sono neanche la maggioranza)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...