Quartiere Tessera 20 10 2010

Mi piace molto il quartiere di case popolari dove c’è l’ambulatorio.

Mi piace perché i vecchi sono tutti siciliani, calabresi, napoletani e pugliesi e non parlano italiano.

Mi piace perché i giovani sono tutti nordafricani o moldavi o indiani e parlano italiano meglio dei vecchi.

Mi piace che quando diventano troppo invadenti li devo sgridare, li devo spostare fisicamente nella sala d’attesa, se no girano come nugoli di api impazzite intorno alla mia scrivania.

Mi piace che quando tornano troppe volte e dico loro, acida: “Ora fuori e non voglio vedervi più per almeno due settimane!”, non se la prendono e anzi, ridono dicendomi che sono simpatica e che auguro loro buona salute… e comunque non escono, restano lì a chiacchierare con gli altri in coda, creando confusione.

Mi piace che i primi giorni che ero lì pensavano tutti di fregarmi.

Mi piace perché fanno quello che pare a loro, sono indomiti, anarchici, strafottenti.

Mi piace quel quartiere perché quando le persone che ci abitano entrano in ambulatorio, è una festa o una rissa. Si conoscono tutti: 1.500 pazienti in 3 palazzi bianchi (in origine), ora grigi per lo smog. E poi qualcuno ha pensato di disegnarci sopra delle onde colorate… e quando vivi sulle onde, sei socievole, per forza, perché ti aggrappi agli altri, perché non hai terra ferma sotto i piedi, perché vivi con il terremoto dentro e la tua casa non ha più muri.

Mi piace perché i vecchi si vanno a comprare le medicine a turno e le comprano per tutti i vicini di casa… ma quando devono ritirarne la ricetta, si rendono conto che non si ricordano il cognome dei loro amici.

Mi piace da matti, quel quartiere, con i palazzi stretti stretti, vicini in modo soffocante, ossessivamente simili, infilzati in spiedi di strade.

Caserme che sembrano prigioni ma sono più libere di una qualsiasi villa in Brianza…

Mi piace perché quel quartiere è un’unica, immensa casa, tutt’uno con le vie, la farmacia, la latteria, la posta, le persone che passano per le strade. Anche io ne sono parte viva, quando sono lì.

Mi piace perché un giorno qualcuno ci ha costruito un teatro piccolo piccolo e io sono certa che un giorno lo userò per lavoro, perché da quel quartiere, ora che ne sono parte, non mi voglio separare più.

Annunci

8 thoughts on “Quartiere Tessera 20 10 2010

  1. yo. che meraviglia i nuovi lettori! e mi piace sempre molto leggerti. martedì quando vuoi che ci vediamo? non mi ricordo, a pranzo però ho un impegno, di sera non riusciamo? bacioni. raccontaci ancora del quartiere tessera

  2. io penso che se non fossi sposata ti sposerei
    è la terza volta che ti “leggo” e che piacere al cervello…
    e se l’ambulatorio è quello di via turati, giuro, che ne hai trasmesso pure l’odore
    grande laiza

  3. Pingback: Quando la bottega oscura è un comune « Casa LaLaiza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...