Di Claudia, dei nani, della radio

Copio qui la riflessione di una ex collega dei tempi d’oro della radio. Detto così sembra quasi che  fossimo famose come La Pina di Radio Deejay, in realtà trasmettevamo entrambe a Radio Studio 8, una radio praticamente condominiale che si prendeva a Cesano Beach e dintorni (cioè Cesano più quartiere Lavagna, Tessera e Giardino… a Trezzangeles non ci arrivava neanche, il segnale. Manco a Corsico e neanche ad Assago). Però Radio Studio 8 ebbe storia gloriosa ai tempi delle libere emittenti negli anni 70, poco dopo la fondazione da parte di mio padre, quando si chiamava ancora Radio L’Incontro. Ora è chiusa e anche l’antico palazzo dove c’erano gli studi è stato buttato giù e al suo posto c’è il parcheggio della Sacra Famiglia…

Dicevo, Claudia… lei è la classica gnocca stile fotomodella: altissima, magrissima, biondissima con gli occhi azzurrissimi, con la faccia bella e oltre ad essere intelligente, con una ottima parlantina, è anche tendenzialmente di buon gusto nel vestire. Praticamente, quando a 20 anni io e lei andavamo in giro, sembravamo l’articolo il, scritto proprio così. Io, naturalmente, ero quella a sinistra col cappello (che ti dà quei due tre centimetri in più).

Ma nonostante il suo aspetto diafano, distaccato, alieno, lontano anni luce dalle comuni mortali basse e cellulitiche, Claudia è una truzza di periferia fatta e finita. Fan sfegatata di Elio e le Storie Tese, si è sempre dilettata nelle parodie sconce delle canzoni romantiche e nelle battute a sfondo defecatorio, provocando smorfie di disgusto anche nei “satelliti” cioè i ragazzotti in bomber tamarri che gravitavano intorno all’uscita della radio e che avevano la fama di essere veramente ma veramente sconsigliabili (e che erano i nostri amici).

Fatto sta che Claudia, ultimamente abita a Roma ed è diventata mamma di due nani che sono peggio di lei (quindi impossibili) e recentemente ha scritto una nota che nella parte finale mi ha fatto lievemente morire d’asfissia per le risate. Eccola:

“Essere mamma è dura. Emotivamente. Fisicamente. Psicologicamente.
Ma la cosa più difficile dell’essere mamma è la ciclica, drammatica e inesorabile MESSA A POSTO DEI GIOCHI.
Ogni giorno ci si cimenta nella separazione dei gormiti dalle scarpe di barbie, nello scovare i cuccioli cercamici infilati in ogni pertugio del transatlantico di polly pocket, nel recuperare i pezzi del camper di barbie sparpagliati un pò nella pista e un po’ nei cibi di plastica, i quali sono a loro volta seminati nella betoniera e nella proboscide dell’elefante-sputa-farfalle. E quando ti impegni al massimo, per ricomporre la Winx focomelica e decapitata, ti accorgi che questa ha due braccia destre.. lì prendi coscienza che un’altra creatura è stata seviziata, e che in casa hai degli psicopatici killer seriali!
Quando fai questo lavoro di merda, perché questo è un lavoro di merda, sei rigorosamente scalza. La bottiglina o la spazzolina o il cavallino,ti si infilano sempre nella carne sotto al mignolo del piede e quando senti il dolore che ti arriva al cervello, e arretri per riflesso implodendo dentro di te un “CAZZOOOOO!!!” che ripeti mentalmente come un mantra, c’è un’altro bicchierino, ad attendere l’altro piede sano!
Quando tutto è finito, tutto è stato ricollocato nella scatola giusta della categoria giusta, ti giri con aria trionfante verso il saccone nero con tutti quei dannati giochi dell’ happymeal per gettarli finalmente via. Ma ecco inaspettatamente la nana che spunta dal nulla e ti si para davanti facendo scudo col suo corpo a quella massa di ciarpame.
“Mamma cosa stai facendo?”
“Niente tesoro… butto via un po’ di cose, tanto queste non le usate più.” Illuminata da un fascio di luce che proviene dall’alto, Santa Marta, martire di Mac Donald’s, mi guarda con occhi lucidi e gonfi e con aria di supplica mi dice “Mamma.. teniamoli! Non per me, ma per i miei figli!”

Annunci

10 thoughts on “Di Claudia, dei nani, della radio

  1. ti giuro sto impazzando!!! anche per il fatto che è tutto tremendamente vero!!!!! complimenti alla tua amica Claudia per la nota! Ciao Lisa alla prox

    • Guarda, l’unica cosa che è cambiata è la via Nazario Sauro… per il resto, purtroppo, io non sono cresciuta e Claudia continua ad essere una pertica che fa ridere a crepapelle per le cose che dice :-D
      Ciao bellezza, sei malinconica? Che hai?

  2. quando l’ho letto a parte le risate, avevo la strana sensazione di vivere la stessa esperienza, ma perché?
    non ho figli! A giusto…. Raffaele

      • raffaele tiene qualunque cosa: in casa abbiamo una camera dedicata e vari scatoloni sparsi ovunque con ogni genere di materiale ammassato dentro. Ti dico solo che conserva…. “perchè tutto può essere utilizzato ed avere un secondo fine” anche le scatole vuote di tic tac.
        Ma non pensare che lo faccia per un domani per un figlio (anche perché personalmente ci terrei ad estraniarlo appena un poco dalle follie di suo papà), ma semplicemente per il desiderio di smontare, rimontare, assemblare etc etc..
        ho un piccolo genio/mostro a casa :)

        e confermo: abbiamo anche i giochi dell’happy meal in qualche cassetto…
        k.

  3. Radio studio 8? C’ero anch’io…Marco milano, ovvero marco saporiti quello del “colpo di stato”, ricordi…trasmissione storica!
    marcosaporiti.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...