L’elettricista sveglio e i fiammiferi di Will Young

“Pronto signor elettricista?

Buongiorno, mi ha dato il suo numero mio suocero.

Senta, ho bisogno di lei ur-gen-te-men-te perché da quando sono tornata dalle vacanze il mio forno non funziona più. Semplicemente non si accende. Anche la lavastoviglie non si accende più e il piezo elettrico della cucina mi ha abbandonato in contemporanea.

Sono disperata.

E’ tutto un lavare piatti ed accendere fiammiferi… tra l’altro ho i fiammiferi di Will Young! Come non lo conosce?

No, signor elettricista, quello è Will Smith… Will Young è quello che cantava Camon beibe lait mai fair, camon beibe laaaait mai fair, un po’ di anni fa al Festivalbar… non se lo ricorda? Vabbé… è che quei fiammiferi sono difettosi e rischio di incendiare tutt… eh? No, no, non faccio la fiammiferaia, magari! Io lavoravo per la sua casa discografica e per fare promozione avevamo fatto la scatola di fiammiferi… vabbé lasciamo perdere… magari gliene do una, ne ho tipo 15.752 pezzi in casa tra quelli che sono avanzati… cosa dice?

In-terr-utt-ore ge-ne-ra-le? Cos’è?

Nonononononono, guardi, io l’interruttore generale non ce l’ho.

Ho chiamato l’Electrolux ma dato che si sono rotte tre cose contemporaneamente mi hanno detto che sicuramente è un problema della linea elettrica.

Sì.

Sì.

Sì.

No, le ho detto che non ho interruttori generali.

Coooooosa??? Martedì di settimana prossimaaaaaa?

No la prego la prego la prego la prego la prego, ho bisogno del forno, devo fare la pizza, devo fare le focaccine, devo fare lo sgombro con le patate, devo fare i calamari ripieni, devo fare i biscotti, devo cuocere i teschi di fimo… ehm… non mi può fare questo, la prego passi oggi… ho biogno di leeeeei!!!

Aa-ah. Grazie.

Troppo gentile.

Allora la aspetto alle 14. Le preparo i fiammiferi! Va bene, grazie a dopo!”

Alle 14 in punto l’elettricista arriva. Mi saluta cordialmente.

Entra in cucina, un veloce screening visuale della parete. Dopo di che, si avvicina al porta pane, sposta le bottiglie posate sopra, rivelando alla mia vista tre fantastici pulsantini bianchi. Sono divisi a metà. In una metà c’è uno 0, nell’altra una barretta verticale.

Erano tutti e tre sullo 0.

Li schiaccia.

Poi va verso il forno e lo accende, funziona.

Accende la lavastoviglie. Funziona.

Schiaccia le manopole del gas. Scintillano allegre come sempre.

Mi guarda sorridente con aria di compatimento.

Io, commossa, ricambio lo sguardo con un sorriso idiota stampato in faccia e due scatole di fiammiferi di Will Young in mano.

“Ehm… ecco, io non lo sapevo… sì mi ricordo che li avevo schiacciati prima di partire per pulire la parete ma ero convinta che fossero gli interruttori dei faretti che sa, sono fulminati da circa tre anni quindi… non avevo capito che erano gli interruttori generali giuro!

Quanto le devo? Niente? Ooh, grazie molto gentile… almeno prenda questi…”

Gli porgo i fiammiferi, speranzosa.

“Ah, me li posso tenere, certo. Grazie e arrivederci!  Spero che la prossima volta lei venga per qualcosa che si sia rotto davvero… ehm, no, vabbé, cioè meglio che no però… vabbé, ciao e a mai più”

Annunci

5 thoughts on “L’elettricista sveglio e i fiammiferi di Will Young

  1. ca..o la prossima volta… chiamami!!! menomale non ti ha fatto pagare l’uscita..
    ehm… mi tieni un pacchetto di fiammiferi? se vuoi scambio con Fiammiferino (il minipupazzetto azzurro)
    COMUNQUE ci vedo dietro la manolesta del marito! no? E chi altro?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...